Mi conscidero sta bella canson de Alberto Fortis , scrïta in to 1979 e pòco conosciûa , 'n esempio de grande coraggio . Ûn di pòchi , tra tante gente ipocrite , banderòlle e profittatoî , c'àn pagòu cäo , in sciä sêu pelle , pe st'atto d'amô verso a libertæ : de fæti dòppo sta canson o l'è stæto boicottòu .
Ancon primma de leghisti e neo-fedealisti de l'ûrtima öa , o Fortis o criäva ä gente do Nord a sêu raggia contra l'opprescion de Romma , comme o fuise quæxi  'n invitto ä ribellion di pòpoli do Nord .
Viste ascì e ûrtime sciortïe di fascisti de AN , che vorrieiscian censûâ a libertæ d'esprescion ,
vietando a çerti depûtæ do Nord de dî 'nna oramai vëgia frase contra o Palasso Roman di affari e di malaffari ,
sta frase a crïo mi ascì , perchè mi ascì son :
CONTRA ROMMA LADRONN-A
A VOI ROMANI
(A.Fortis - 1979)

E vi odio voi romani, io vi odio tutti quanti,
brutta banda di ruffiani e di intriganti,
cammuffati bene o male, da intellettuali e santi,
io vi odio a voi romani tutti quanti.

Siete falsi come Giuda, e dirvi Giuda e' un complimento,
e vivete ancora adesso avanti Cristo,
e trattate gli altri come i vostri nonni coi cristiani,
io vi odio a tutti quanti voi romani.

"Mamma lupa - poveretta - si e' svenata con i denti"
il giornale ha riportato con stupore:
"non poteva sopportare che il suo popolo invasore
diventasse una colonia di invadenti".

E vi odio a voi romani, io vi odio tutti quanti,
distruttori di finanze e nati stanchi,
siete un peso alla nazione, siete proprio brutta gente,
io ti odio grande Roma decadente.

Sui tombini delle fogne, come tanti scudi antichi,
ci scrivete ancora SPQR,
ma guardatevi, a dottori, siete molli come fichi
e poi andiamo, non e' piu' tempo di guerre.

E vi odio a voi romani, io vi odio tutti quanti,
brutta banda di ruffiani e di intriganti,
cammuffati bene o male, siete sempre farabutti,
io vi odio a voi romani, vi odio tutti.

PE  INTR  IN TO  SCÏTO  SCIACCÆ  A  LANTERNA  CHI  DE  SOTTA :